» »

Grado di precisione

Grado di precisione standard sulla lunghezza

(Secondo la Normativa)

La catena finita, non lubrificata, da misurare deve essere sostenuta per tutta la sua lunghezza e sottoposta ad un carico di misura equivalente a circa 1% del carico minimo di rottura.

Il grado di precisione delle catene differisce in funzione delle tipologie sotto elencate.

Catene agricole (Norma ISO 487).
La lunghezza deve risultare pari alla lunghezza nominale, con scostamento limite di 0/+0,30%, che equivale a 0/+3mm/mt.

Catene trasporto pesante (Norma ISO 1977).
La lunghezza deve risultare pari alla lunghezza nominale, con scostamento limite di 0/+0,25%

Catene di precisione a rulli, a passo corto (Norma ISO 606).
Catene di precisione a rulli, a passo lungo (Norma ISO 1275).
Catene di precisione a bussole, a passo corto (Norma ISO 1395).
La lunghezza deve risultare pari alla lunghezza nominale con scostamento limite di 0/+0,15%.
Diversamente, per le stesse catene ma con attacchi (alette o perni forati), la lunghezza deve risultare pari alla lunghezza nominale con scostamento limite di 0/+0,30%.

Catene Fleyer (Norma ISO 4347).
La lunghezza deve risultare pari alla lunghezza nominale con scostamento limite di ± 0,25%.

 

Grado di accoppiamento

L'accoppiamento è un ulteriore operazione che segue la prestiratura e che consiste nel selezionare spezzoni di catene che hanno uno sviluppo lineare compreso entro un certo range, e che andranno a formare anelli di catena disposti in parallelo per particolari applicazioni in cui si richiede un'elevata precisione nello spostamento lineare.

Il grado di precisione dell'accoppiamento può essere di tipo standard che si effettua manualmente (accoppiamento visivo), oppure con apparecchiatura digitale che garantisce accoppiamento di tipo decimale (0÷0,10 m/mt), o di tipo centesimale (particolari esigenze del cliente). Per la scelta più appropriata del grado di accoppiamento, Vi invitiamo ad interpellare il nostro Ufficio Tecnico.